Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

27 Set
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Luca Zenoni

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono nato a Bergamo dove sono cresciuto e tutt'ora vivo, dove ho studiato fino al Liceo Scientifico. Poi ho studiato Medicina all'Università degli studi di Milano, laureato e specializzato in Medicina Interna. Sono un Medico ospedaliero. Divorziato, convivo ed ho due fantastici figli. Ho l'hobby del tennis della bici e dello sci. Amo molto anche andare in barca a vela d'altura, cosa che faccio regolarmente durante l'estate, avendo da molti anni la patente nautica oltre le sei miglia. Non ho mai deciso di diventare scrittore, diciamo che scrivere è un'idea che ho sempre avuto ed ultimamente ho avuto l'occasione di farlo, trovandovi molto piacere.




2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Non ho un momento particolare in cui preferisco scrivere, scrivo se ho tempo e se sono inspirato a farlo. Preferibilmente credo di avere scritto maggiormente nelle ore serali, tardo pomeriggio o dopo cena.La mattina lavoro quasi sempre, non ho mai sperimentato la scrittura mattutina!



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Direi Umberto Eco per “Il Nome della Rosa”, ma devo confessare di non essere mai stato un gran lettore. Tendo a leggere libri storici, ultimamente soprattutto quelli legati alla storia della navigazione, della vela...



4. Perché è nata la sua opera?

È nata perché ho voluto fissare sulla carta (verba volant..) alcuni ricordi che fanno parte della mia vita, avvedo recentemente subito un grosso fascino dal tempo che passa, che per me è piuttosto misterioso. A volte penso al passato e lo rivedo come un presente, d'altra parte gli istanti che compongono il tempo sono tutti attaccati l'uno all'altro. Il libro è nato così come inizia, guardavo fuori dalla finestra durante una giornata nebbiosa, ho colto la similitudine tra la nebbia, che sbiadisce gli oggetti, con il tempo che sbiadisce i ricordi. Da lì sono partito a scrivere.Poi alla fine mi sono ritrovato a fare qualche considerazione sulla vita.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Penso in tutto, credo di essere ovviamente figlio del mondo, delle idee e persone che ho frequentato, dei fatti cui ho assistito, degli studi fatti, dei professori di scuola che ho avuto. Non a caso dedico anche al mio prof. di italiano e latino il libro.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Credo sia entrambe le cose. Evasione perché quando scrivo sono soltanto io, non sto parlando con nessuno se non con me stesso, sto ascoltando solo il mio cervello, è come se finalmente potessi dedicarmi solo ai miei pensieri. D'altra parte scrivo di cose reali, mi rifaccio a fatti avvenuti, magari talvolta "romanzandoli", anche se in questo libro credo di essere stato abbastanza fedele a quello che penso sia la realtà. In un precedente libro, non ancora pubblicato, lavoro di fantasia anche se le idee mi vengono comunque dal mondo reale. Ho notato che scrivere mi induce ad approfondire, studiare. In questo libro per esempio, trovandomi a narrare di come io ho vissuto la vicenda del rapimento di Aldo Moro, mi sono trovato a leggere tutte le lettere che scrisse dalla sua prigionia, cosa che non avevo mai pensato di fare prima.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

In questo libro c' è buona parte del Luca degli anni che furono. Ora ho 52 anni, nel libro sono un ragazzino.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Ho avuto l'incoraggiamento della mia compagna Marta ed il parere positivo della mia amica Bianca, che mi hanno dato fiducia. Mentre scrivevo pensavo spesso al mio caro professore Adriano Menegoi, che ora purtroppo non c'è più. Anni fa lo incontrai e gli manifestai un certo disagio nell' aver scelto un mestiere lontano dagli studi umanistici e lui mi disse "scrivi!" Così, seppur a distanza di dieci anni, l'ho fatto.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

Alla mia compagna Marta, lo ha letto in corso d'opera, poi a Bianca.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Penso di no, almeno non esclusivamente; chi ama i libri di solito vuole tenerli nello scaffale, anche se ovviamente il costo ridotto e la possibilità di portare con se centinaia di libri in un tablet offre enormi vantaggi pratici.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Vedo positiva la colonna sonora, non a caso ho citato una canzone di Francesco de Gregori, ma in generale per me la lettura è anche silenzio.

 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 27 Settembre 2016 | di @BookSprint Edizioni

1 COMMENTO

  • Link al commento Claudio Rolleri inviato da Claudio Rolleri

    Ciao Luca...ho letto il libro e ti dico con tutta sincerità che mi ha coinvolto in una tempesta di ricordi e di vissuto giovanile e non solo......ognuno di noi (della nostra generazione) si rispecchia nel tuo vissuto, certo con esperienze e contesti diversi , ideologie politiche contrastanti e quant'altro.....amici che si sono persi perché non hanno dato importanza alla vita stessa. ....gioie e dolori... la crescita della propria anima nel percorso degli anni......COMPLIMENTI LUCA....mi hai donato un'emozione grandissima leggendo il libro......sei un grande.....certo come tennista non lo sarai mai....ma accontentati dai..sei in buona compagnia....il tuo caro amico Claudio

    Giovedì, 29 Settembre 2016 21:23

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)