Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

04 Giu
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Maurizio Colonna

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono nato a Catania, dove nel 1961 ho conseguito la laurea in Economia e Commercio. Ho svolto per oltre un quarantennio il ruolo di docente presso la facoltà di Economia dell'Università di Catania, andando in pensione il primo novembre del 2009. Da ricercatore universitario di Storia economica la necessità di mettere per iscritto la mia ricerca scientifica e di trasmettere agli studenti la conoscenza storica, ha contribuito alla mia formazione di scrittore.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Quando posso cerco di scrivere durante le prime cinque ore della giornata. Sono le ore nelle quali la scrittura mi è più congeniale.




3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Umberto Eco, il quale ha utilizzato la sua competenza storica per scrivere con grande successo un romanzo storico perfettamente compatibile con l'ambiente medievale.



4. Perché è nata la sua opera?

Subito dopo il pensionamento ho sentito il bisogno di utilizzare le mie conoscenze di oltre un quarantennio di ricerche storiche sull'economia siciliana per tentare la ricostruzione di una storia economica dell'Isola che manca nel panorama scientifico.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Sicuramente il contesto sociale universitario, sia in campo scientifico che in quello didattico, è stato determinante per la mia formazione letteraria.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

È certo che per la professione di storico esercitata per molti decenni la scrittura ha rappresentato per me un modo di raccontare la realtà del passato e del presente.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Del mio modo di vivere, delle mie idealità e della mia sensibilità è permeato il mio saggio pur nel massimo rispetto della realtà storica, come del resto avviene inevitabilmente a tutti coloro che scrivono.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Nessuno è stato fondamentale ma in molti sono stati importanti per scrivere questa mia opera.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

Alla redazione della BookSprint.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

È inevitabile che il futuro della scrittura sia rappresentato dall'e-book poiché la crescente diffusione di internet, per gli evidenti vantaggi che ne derivano, è ormai inarrestabile.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Anche l'audiolibro mi sembra che abbia un luminoso avvenire.

 



Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Lunedì, 06 Giugno 2016 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)