Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

16 Ott
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Paola Montemurro

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?

Sono nata e cresciuta a Matera, nota come "Città dei Sassi", dove ho frequentato la scuola fino al liceo. Successivamente mi sono dovuta trasferire a Bari per iscrivermi alla facoltà di Giurisprudenza.



2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?

Non ci sono libri in particolare da consigliare. Sarebbe bellissimo solo il fatto che un adolescente legga, qualsiasi cosa, purché lo faccia. Tuttavia, se dovessi dare un consiglio, suggerirei di non leggere assolutamente un classico della letteratura, di qualsiasi epoca o nazione. Potrebbe sembrare un consiglio alquanto strano ma sono fermamente convinta che una lettura del genere, in un'età così difficile per vari motivi, sarebbe inutile e in certi casi del tutto nefasta.




3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ e-book?

Personalmente, penso che sarò per sempre fedele al libro cartaceo, anche se, devo ammettere, che l'idea dell'e-book mi abbia tentata in più di un'occasione. Di certo non si possono negare i vantaggi per quanto riguarda il prezzo e la praticità. Un e-book lo puoi facilmente portare ovunque, senza l'incubo che si rovini o si stropicci. Tuttavia è difficile costruire con esso quel rapporto di "amore" che si crea, invece, così facilmente con un libro cartaceo, come se fosse il proprio migliore amico. Un amore che ti lascia un senso di vuoto quando ti ritrovi costretto a salutarlo e a riporlo nella libreria, ringraziandolo di averti accompagnato in un altro fantastico viaggio.



4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?

Penso che non si potrebbe definire in nessuno dei due modi. Semplicemente, con "la scrittura" ci si nasce. A volte è una benedizione, altre una maledizione, come una mamma che ti rimprovera spesso per non essere a lavoro e scrivere ciò che pensi, anziché giocare con altri libri da lei non autorizzati. In quei casi la maledici e, tuttavia, dopo alcuni istanti ti ritrovi ad amarla per averti spinto a dare sempre, in ogni istante, il meglio che tu possa offrire attraverso una profonda indagine del tuo animo.



5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?

La convinzione che dietro la "storia", che dietro i numeri che ci tramanda e le pagine che studiamo al liceo, che dietro i partiti politici e i politicanti, ci siano degli uomini di cui non è mai stato detto nulla. Si è sempre parlato di eserciti e nazioni, ma mai del singolo soldato. Cosa dovettero provare, quali fossero i sentimenti che li spinsero ad agire, dove finisse il soldato e iniziasse l'uomo. Mi ha spinto, quindi, la convinzione di volerci almeno provare ad immedesimarmi nelle menti di quegli uomini di cui non si è mai parlato ma che sono tuttavia esistiti.



6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?

Di non studiare o leggere o informarsi come se l'unico obiettivo fosse quello di acquisire la notizia. C'è molto altro, tantissimo altro, basta solo guardare oltre, scrutare fra le righe del testo, e chiedersi perché lo si stia facendo, cercando di essere pronti per quando la risposta finalmente si rivelerà a noi.



7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?

Pian piano nel corso della vita. Ho cominciato a sentire l'"esigenza" di scrivere, più o meno, all'età di 14 anni.



8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?

Tutto è nato fantasticando su un'immagine assurda che era nata nella mia mente: "chissà di che cosa si ritroverebbero a parlare un Tedesco e un Italiano se fossero costretti a rimanere per un giorno intero soli in una camera blindata?" Da qui è cominciato tutto e, non so esattamente il perché, ora, se ci ripenso, al pensiero mi sovviene il sorriso.



9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?

No, non credo. Tuttavia avevo pensato ad infiniti finali diversi.



10. Il suo autore del passato preferito?

Assolutamente Jane Austen.

 



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Penso che se possa essere utile ad avvicinare persone di tutta le età al mondo dei libri, che ben venga! Anche se, secondo me, così si perderebbe l'idea della classica lettura, riducendo, quasi al limite, i confini tra "libro" e "film".


 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 16 Ottobre 2015 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)