Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

06 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Giorgio Laura

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Già in gioventù avevo scritto sul "Secolo XIX"di Genova, "La Stampa" di Torino ed altri giornali tipo "l'Eco della Riviera" ecc...Poi superai gli esami all'università e sostituii mio padre ammalato, per un lungo periodo, nello studio di consulenza del lavoro. Infine, come hobby, iniziai a scrivere.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Di solito al pomeriggio.




3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Ne ho parecchi, ad esempio Harold Robbins, Joannes Mario Simmel, Guillermo Martinez, Mary Higgins Clark, qualche Camilleri ma non tutti.



4. Perché è nata la sua opera?

Per nostalgia, o perché il passato viene definito tale ma è sempre presente e ci accompagna per tutta la vita.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Poco o nulla.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Evasione dalla realtà, un modo per rivivere episodi del passato analizzandoli sulla base delle proprie esperienze.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Anche se può sembrare una contraddizione, praticamente tutto.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Per il primo libro, “Gli occhi di Jacqueline”, trassi alcuni spunti dal trattato di medicina legale di un mio antenato, Secondo Laura, che fu professore della materia nel 1800 all'università di Torino.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

A mia figlia e qualche amico.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Non credo, ma non saprei comunque dire anche se ritengo che il libro rimanga sempre qualcosa di concretamente palpabile, legato alle nostre realtà.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Tutto il male possibile, una esagerazione per chi ridurrà infine la cultura a qualcosa di surreale.



 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)