Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

14 Lug
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Alec Igral

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono di origine italiana, ma da più di dieci anni mi sono trasferita a Monaco coi miei figli. Amiamo moltissimo il mare e viviamo prevalentemente in barca. Non lavoro, ma con tre bambini piccoli e varie passioni, non ho certo tempo di annoiarmi. Ho sempre sentito forte il desiderio di esprimermi in qualche modo e crescendo è diventata una necessità che provo a soddisfare in parte scrivendo, ma anche dipingendo o cucinando (arte ormai inflazionata ma pur sempre indispensabile). Ognuna di queste attività mi permette di mostrare e donare qualcosa di me, quindi il mio romanzo, così come un mio dipinto o una mia “quiche lorraine” non sono altro che la trasposizione di me stessa. E mi sento più di questa terra.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Nel mio caso, scrivo quasi esclusivamente la notte quando tutto è calmo, silenzioso, e posso concentrarmi meglio senza più distrazioni.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Muriel Barbery. Trovo il suo libro “L'élégance du hérisson” poetico e geniale. E naturalmente Jack London con “Martin Eden”.



4. Perché è nata la sua opera?

Ho la fortuna di vivere nel Principato di Monaco, un luogo unico e sorprendente, che è per me, da sempre, una fonte inesauribile di meraviglia e ispirazione.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

L'ambiente monegasco ha influito moltissimo. I vizi, gli eccessi e i peccati umani esistono ovunque, ma qui, immersi nel lusso e nella bellezza, ogni cosa assume sembianze fiabesche.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Non un singolo giorno della mia vita è passato senza che abbia viaggiato un po' con la mente verso scenari immaginari, ma in questo caso, scrivendo questo romanzo, non si è trattato soltanto di evadere dalla realtà, ma ho potuto al contempo raccontarla. Qui è difficile distinguere la favola dalla vita vera.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

A parte il fatto che diversi fatti raccontati li ho vissuti in prima persona, ad altri ho assistito, ed altri ancora mi sono stati riportati, posso dire che molto di me c'è in questo romanzo, ma non dirò cosa.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Sicuramente i componenti della famiglia reale monegasca, incredibilmente glamour e affascinanti. Impossibile non fantasticare su di loro.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

Un po' a tutti in famiglia. Non essendo facili alla lusinga, ero certa di ricevere solo giudizi obiettivi.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

É possibile che le nuove generazioni siano più attratte dall'opportunità offerta dall'e-book. Personalmente non lo apprezzo. Il fascino del libro di carta è insostituibile.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

L'audiolibro può essere sicuramente utile per tanti motivi, ma certamente non fa per me.



 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 14 Luglio 2015 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)