Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

22 Nov
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Giovanni Morabito

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono di Reggio Calabria, graziosa città con la Via Marina costeggiata dalle limpide acque del mare e nostra dirimpettaia è la Sicilia. Il dramma della mia vita mi ha fatto diventare scrittore; la dipartita di mia moglie con la quale vivevo sempre in simbiosi, mi ha gettato nella più grande solitudine ed il mio sfogo è ciò che scrivo.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Durante la giornata faccio il volontario in ospedale con molta dedizione e sono gratificato perché sono stimato dal personale, dai medici e dai pazienti. Mi rimangono le ore notturne per scrivere specie le ore piccole della notte, nel silenzio più assoluto.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Andrea Camilleri per la poliedricità della sua vita e delle sue opere, specie quelle con l'italiano misto al dialetto siciliano, prima non tanto gradite ma oggi tanto apprezzate.



4. Perché è nata la sua opera?

Per oltre un decennio ho vissuto nell'incertezza, dovuta alla malattia di mia moglie.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Sono stato seguito nei vari corsi scolastici ed anche all'Università da due miei zii uno Magistrato e l'altro Sottosegretario al Parlamento, che mi imponevano delle regole alquanto rigide. Oggi li ringrazio.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Anche se si pensa di evadere la realtà persiste, qualunque cosa si scrive emerge sempre la realtà.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Tutto me stesso, immergendomi completamente nel personaggio che, pure se di fantasia, dice sempre ciò che io penso.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Mia moglie che considero il mio Angelo custode e a cui dedico ogni mio scritto.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

A mia nipote che è un'assidua lettrice de miei elaborati.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?

Bisogna andare al passo con i tempi però preferisco il cartaceo e sentire il profumo della stampa.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Per chi si accontenta è bene, io preferisco leggere, mi interessa di più.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Sabato, 22 Novembre 2014 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)