Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

07 Lug
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Angela Di Natale -

Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittrice?
Sono siciliana. Cresciuta in un paesino sui Nebrodi e poi a Catania. Ho sempre amato ogni forma d'arte. Soprattutto la letteratura, la musica, la poesia.
Non ho mai deciso di diventare scrittore. Ma la scrittura mi visita e attraversa da sempre senza che io possa, riesca o voglia ignorarla. Coincide col mio modo di essere e rapportarmi a me stessa e alle cose, all' esterno.
 
Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Dipende dai periodi che attraverso. non scrivo quotidianamente. Si alternano periodi, più o meno lunghi di silenzio, in cui immagino le parole si stiano scavando un percorso loro e immagazzinando dentro di me ad altri in cui la scrittura fluisce indipendentemente da orari e tempi concordati.
 
Il suo autore contemporaneo preferito?
Sono tanti gli autori che amo e apprezzo. Da Joyce a Fante, da McEwan a Emily Dickinson o Patrizia Valduga, solo come spunti....
 
Perché è nata la sua opera?
Perché le parole che racchiudevo dovevano trovare uno spazio esterno in cui sedimentarsi...
 
Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Tutto influisce in tutto e non c'è possibilità di prescindere dal proprio vissuto. Sono stata fortunata. Ho avuto dei buoni maestri, dei buoni esempi da seguire e la possibilità di dedicarmi a dei modelli che amavo....
 
Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Non si può evadere da nulla, si possono usare solo delle chiavi di lettura e interpretazione sempre diversi e in divenire che mutano col mutare di ciò che attraversiamo e parzialmente lo mutano a loro volta.
 
Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Tutto.
 
C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
Tutto ciò che ho attraversato e vissuto, chiunque io abbia incontrato o anche solo sfiorato per poco e casualmente...ha lasciato comunque una traccia.
 
A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Alle persone a me più vicine e che amavo di più.
 
Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Non credo. Non del tutto. Potrà integrare e accompagnare, ma non sostituire il cartaceo.
 
Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
È un'ulteriore possibilità

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2023 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)