Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

07 Set
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Maria Pia Costanza

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Scrivere è sentirmi viva e giovane, ripercorrendo il passato.
 
2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
In questo libro, la mia vita reale è presente per il 90%.
 
3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Scrivere quest'opera è stata una scommessa, un mettermi in gioco, riscoprirsi, nonostante la non più giovane età.
 
4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
Per il libro cercavo un titolo che potesse incuriosire la gente e quindi è stato meditato a lungo.
 
5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Il libro che porterei con me in un'isola deserta è " Treasure island".
 
6. Ebook o cartaceo?
Ebook e cartaceo. Il primo rappresenta l'oggi e il domani, il cartaceo il passato.
 
7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Ho sempre scritto e chiuso nel cassetto tutti i miei scritti. Non mi sarei mai sognata di intraprendere questa " carriera" di scrittrice
 
8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
L'idea di questo libro è nata da una battuta di un personaggio che ho inserito nella Premessa dell'opera e che mi ha lanciato una sfida:"E lo scriva Lei, invece, questo libro!."
 
9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
Vedere il proprio lavoro progredire è come una gestazione, un'attesa, che ti stimola a migliorarti.
 
10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
La prima persona che ha letto sprazzi del mio libro è stata la mia amica Antonella e, successivamente, mia figlia Leda e il marito Stefano.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
La nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro è un'innovazione ottima per gli anziani che, col passar degli anni, vedono poco.
Il cartaceo, però, è sempre da considerare più di prima in questo momento di incertezza e meditazione. Non sappiamo quanto durerà il mondo multimediale sempre più saturo di onde magnetiche ed altro
Penso, quindi, che si ritornerà a rivalutare l'antico e il passato preferendo il cartaceo.
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Lunedì, 07 Settembre 2020 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)