Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

16 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista a Gianvittorio Ortelli, marito e curatore del libro di Adele Morini

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?
Adele Morini è nata a Como, ma il suo paese era Nesso, sul lago omonimo, un paese caratterizzato da ambiente montano e da un ruscello che alla fine creava una struttura chiamata orrido, che sboccava nel lago superando un antico ponte romano, il "punt de la Civera".
 
2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?
Suggerirebbe grande attenzione per i classici, i quali aprono la porta a tutta la letteratura moderna, spesso rielaborazione di tematiche antiche.
 
3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook?
L'eBook ha il vantaggio di consentire di spaziare per mondi diversi, ma non deve essere una semplificazione come spesso lo è internet, che sostituisce la consultazione alla conoscenza.
 
4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?
Il libro è un colpo di fulmine, la scrittura un amore ponderato che trova le sue radici nell'esperienza di vita e di sentire.
 
5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?
Adele Morini lo ha vissuto veramente come un viaggio nei suoi ricordi, una rivisitazione di una comunità, dei suoi valori.
 
6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?
L'invito a ricordare che noi siamo il nostro passato, che non dobbiamo né rinnegarlo né dimenticarlo.
 
7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?
Mia moglie ha sempre scritto o disegnato qualcosa.
 
8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?
Nel libro c'è un passaggio dedicato all'incontro con due anziane sorelle, che forse è stato la causa scatenante del libro stesso.
 
9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?
Sì, mia moglie era malata, si è resa conto di non potercela fare, in particolare per i ritratti.
 
10. Il suo autore del passato preferito?
Victor Hugo.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Lei preferiva a tutto il cartaceo.
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Giovedì, 16 Agosto 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)