Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

13 Giu
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Renato Traquandi

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono nato ad Arezzo, dove da sempre vivo e lavoro. Sono repubblicano,  mazziniano e "pacciardiano" presidenzialista. Ho in tasca le tessere del P.R.I., della Associazione Mazziniana e della Fratellanza Garibaldina. Ho scritto il mio primo libro nel 2010: "Biografia di Randolfo Pacciardi" cui hanno fatto seguito "Cento foglie di edera", "Le strategie vaticane" e la "Biografia di Mario Angeloni".
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Non ho orari prestabiliti. Prevalentemente la mattina presto e il primo pomeriggio. Per il contenuto dei miei libri è molto importante fare ricerca.
Visito in continuazione Archivi, Biblioteche e navigo su tanti canali di ricerca.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
É un ventaglio che va da Indro Montanelli a Giovanni Spadolini. Nel mezzo ci sono le letture delle riviste storiche come Archivio Trimestrale e il Pensiero mazziniano.
 
4. Perché è nata la sua opera?
Per togliere la polvere dal lavoro fatto dai parlamentari repubblicani alla costituente e riportarli alla memoria pubblica.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Alla mia età ho fatto mio il detto di Gino Bartali: " L'è tutto sbagliato!!!!!!!!!!! L’è tutto da rifare!!!!!!!!!!!"
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Mi considero uno storico, o meglio una memoria storica delle vicende del partito repubblicano italiano, da Melchiorre Gioia (quale dei governi liberi meglio convenga alla felicità degli italiani - 1798)  a Giovanni Spadolini.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Nei miei lavori ci sono sempre dei riferimenti sulla mia vita e il mio pensiero!
 
8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?
Indubbiamente l'on. Randolfo Pacciardi ( 1899 - 2011).
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
A due professori. Maria Cristina Laurenti della sapienza di Roma e Andrea Matucci della Università di Siena.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Ritengo possibile che lo diventi, al momento per il cartaceo c'è sempre un grande avvenire!
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
É sempre difficile fermare il progresso e le tecnologie.


 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 13 Giugno 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)