Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

08 Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Paolo Ceccarelli

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono nato e ho sempre vissuto in Massa, provincia di Massa Carrara. Ho iniziato a scrivere dei miei pensieri, che chiamavo "pensieri del giorno" dopo la mia conversione avvenuta durante il mio primo viaggio a Medjugorje. Avevo capito che Dio mi stava prendendo per mano e mi avrebbe completamente trasformato. Scrivendo questi "pensieri" volevo tenere memoria dei passi che mano a mano andavo facendo nella mia conversione e, pensando che potessero essere utili anche ad altri, li inviavo ad un gruppo di amici via e-mail. Il libro che ho scritto è uno di questi "pensieri del giorno", il più importante. Probabilmente, tra qualche anno, pubblicherò anche la raccolta di tutti gli scritti con il titolo "Pensieri del giorno - Dio nei miei pensieri quotidiani", ne ho già scritto le prime 140 pagine.


 

2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Medito i miei "pensieri" durante la giornata e alla sera o di prima mattina li metto per iscritto. Poi sfrutto anche le ore di ufficio (sono un libero professionista con un mio studio privato, per cui posso farlo tranquillamente) per riportare il tutto sul programma di scrittura del computer, riprendendo le bozze cartacee scritte alla sera o di prima mattina.


 

3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Padre Livio e Paolo Brosio.


 

4. Perché è nata la sua opera?
Come dicevo il Piano di Dio per il nostro tempo è uno dei miei "pensieri del giorno". Quando l'ho finito di scrivere mi sono reso conto della sua importanza, in quanto conteneva alcune importanti intuizioni che lo rendevano un'opera unica: ritenevo che tutti avessero il diritto/dovere di conoscere alcuni aspetti essenziali che spiegassero il perché della venuta della Madonna a Medjugorje. Il libro è di poche pagine proprio perché non vuole disperdere l'attenzione del lettore su aspetti non essenziali in modo da dare un messaggio chiaro ed univoco. In questo si differenzia dai libri di Padre Livio sullo stesso argomento, che, pur concordando con le mie conclusioni, appare molto dispersivo e non offre la stessa chiarezza di messaggio che ha il mio libro


 

5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Il libro è frutto della mia conversione a Medjugorje. Devo ringraziare Paolo Brosio che ha organizzato un incontro con i veggenti di Medjugorje a Monza, cui ho partecipato, che è stato fondamentale per poi decidere di andare in pellegrinaggio a Medjugorje. Tutti quelli che hanno diffuso la conoscenza del fenomeno di Medjugorje, in particolare Paolo Brosio e Padre Livio, hanno in qualche modo contribuito alla scrittura del libro.


 

6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
E' un modo per raccontare la realtà, anche quando si tratta di una realtà con presenze sovrannaturali, come quelle della Madonna.


 

7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Di me c'è soprattutto la grande fede che traspare dagli scritti, in particolare dalla dedica iniziale a Maria e nelle preghiere finali. Anche le intuizioni avute sul fenomeno di Medjugorje sono assolutamente personali, anche se, dopo averle scritte, ho avuto il piacere di vederle confermate in un libro di Padre Livio dal titolo l'"Avvenimento del secolo".


 

8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?
L'ho scritto anche nei ringraziamenti finali. Parlando con un mio caro amico ho ricevuto una delle intuizioni di cui parlavo, proprio nei giorni in cui stavo scrivendo il libro.


 

9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Al titolare della copisteria che me ne ha rilegate alcune copie cartacee da regalare agli amici nel natale 2016, prima che il libro venisse pubblicato.


 

10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Probabilmente si, ma non me lo auguro. Una copia cartacea invoglia a rileggere i libri quando è passato un po' di tempo, a riprenderli in mano e sfogliarli, a trasmetterli a nipoti e pronipoti. E' un po' come le foto che adesso teniamo tutti nel computer. Alla fine viene a mancare la bellezza di sfogliare un album di foto cartacee e c'è il rischio di perdere tutte le foto (ora anche i libri), con la perdita degli archivi.


 

11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
E' una bellissima iniziativa, soprattutto per quanti non hanno una facilità di lettura. Credo avrà un buon successo.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Lunedì, 08 Gennaio 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)