Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

18 Ott
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Rosaria Pipitò

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono un’appassionata di diritto. Vengo dalla Sicilia e ho deciso di diventare scrittore per donare in modo chiaro, con un linguaggio diretto e alla portata di tutti la novità legislativa dell'art.319quater. L'articolo del saggio punisce sia il cosiddetto soggetto attivo che il soggetto passivo, per cui questo nuovo approccio al diritto è frutto di una evoluzione del pensiero moderno del libero arbitrio di ogni soggetto.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Scrivo la mattina presto la bozza e il giorno successivo la correggo.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Raffaele Cantone presidente dell'Anac e leggo libri di diritto.



4. Perché è nata la sua opera?

L'opera è nata per la portata innovativa dell'articolo 319 quater; da questo articolo comincia una nuova concezione del reato: si responsabilizza anche chi subisce il reato trattato, tant'è che ne potrebbe diventare concorrente al reo e con esso punibile dalla legge.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Il contesto sociale in cui sono cresciuta è un contesto difficile in cui è rischioso perfino fare una denuncia per un torto subito. Di questo contesto presto uscirà il mio secondo libro.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Per raccontare la realtà.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Di me c'è tanto nelle riflessioni conclusive. E poi c'è un'utopia: norme premiali nei codici.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Sì, una giovane avvocatessa di Napoli che mi ha preparato alla tesi di laurea.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

A Vito Pacelli.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Si, il futuro è digitale.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Va bene per i romanzi ma non per i saggi forensi.

 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 18 Ottobre 2017 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)