Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

15 Dic
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Nelly Morini

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Ecco chi sono: ho visto la luce per la prima volta in una clinica di Muralto (CH) ora trasformata in albergo. Vengo da un paese prettamente turistico e sin da giovane mi sono dedicata al turismo. Infatti, sono stata attiva per oltre trent'anni nell'azienda di soggiorno del Locarnese, ricoprendo ruoli diversi; da ultimo, sono stata responsabile PR con i media. Ho deciso di scrivere il mio primo romanzo, quando, dopo il mio pensionamento, mi sono accorta che l'appartenenza a vari gruppi di svago non mi bastava. Mi è sempre piaciuto scrivere, e da impiegata, usavo comporre poesie per i colleghi di lavoro. Per lo più poesie scherzose, per divertire i compagni che, nella maggior parte dei casi, le gradivano.




2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Non ho un orario prestabilito! Può accadere che il mio PC rimanga a riposo per alcuni giorni, poi riprendo, a seconda delle idee che mi frullano in testa. Generalmente scrivo con una media di cinque/sei ore la settimana. Poco vero? Ma, per quanto mi riguarda, basta e avanza... Ancora una cosa: non scrivo di notte anche se c'è stato un periodo in cui mi svegliavo con nella mente dei versi che riportavo fedelmente su di un taccuino che tenevo vicino al letto, conscia che il mattino non me li sarei ricordati. Con una di quelle poesie ho vinto un premio.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Non sono una grande fan dei contemporanei, forse perché...ahimè...non sono riuscita a trovare quell'incanto che ho scoperto già da tempo negli autori ormai trapassati. Mi piace comunque molto Khaled Hosseini, storie come le sue mi affascinano e mi fanno pensare a quanto sono fortunata a vivere in un paese in pace. Ma io amo molto A.J. Cronin, uno scrittore britannico, morto in Svizzera, e poi Piero Chiara, che definisco arguto e di cui ammiro la grande capacità di descrivere i personaggi e, non da ultimo Sidney Sheldon, scoperto con un mio acquisto in autostrada. Non avevo con me niente da leggere e mi ha intrigato il titolo di un suo romanzo: "L'altra faccia di mezzanotte". Ho in seguito acquistato tutti i suoi libri. Per finire, mi è piaciuta anche Sveva Casati Modignani, in particolare i suoi primi lavori.



4. Perché è nata la sua opera?

È nata così, quasi per caso. All'inizio ho preso lo spunto da un fatto accaduto ad una persona a me vicina, poi, nello svolgimento della trama, mi sono venute delle idee e, via via che scrivevo, intravvedevo la composizione di una storia coerente anche se di fantasia, nel modo più assoluto. A chi ha letto - o leggerà - anche il mio primo romanzo, devo dire invece che questo libro è nato per un mio sfogo personale, e racconta, in grandi linee, la mia storia con - come è stato scritto - una pennellata di giallo, per via di un delitto che ho inserito per rendere il racconto più gustoso ma che non appartiene alla mia famiglia.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Non so se si può parlare, nel mio caso, di formazione letteraria. Io sono totalmente autodidatta, non ho frequentato corsi di scrittura, mi piace scrivere e tanto basta. Se poi quello che esprimo può piacere a qualcuno, bene, benissimo. Sono aperta alle critiche, sempre e comunque.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Ambedue le cose. A buon intenditor, poche parole.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

C'è tutto di me, l'espressione del mio essere, io vivo i miei personaggi e li vedo con gli occhi dell'anima. I miei "eroi" sono dolci, delicati, sofferenti, sfortunati e si vedono confrontati con esseri che sono tutto l'opposto, cosa che, nella vita accade alla maggior parte di noi.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Si, lo spirito di mia madre, alla quale ho dedicato il libro.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

Non lo ha letto nessuno all'infuori della Casa editrice



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Per niente, si parla già del tramonto dell'e-book. Per me, stringere fra le mani un bel romanzo è una grande soddisfazione. Ve la vedete una presentazione di un nuovo romanzo solo in e-book? Io no.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

 

Ne so troppo poco per potervi dare una risposta.



 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)