Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

27 Giu
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Antonino Santamaria

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono nato a Valguarnera (EN), nel 1941 da madre casalinga e da padre artigiano e dipendente comunale. Ho frequentato la Scuola d’Arte. Finiti gli studi, nel 1961 sono emigrato in Australia. Sono rientrato in Italia dopo 3 anni a causa della morte di mio padre (52 anni), per assistere la mia famiglia, visto che ero il figlio più grande. Sono felicemente sposato da 46 anni. Ho 2 figli e 4 nipoti. Ho dedicato la mia vita alla famiglia. La mia passione è stata la politica, fino a quando ho dovuto lasciare per motivi di salute. Ho scritto tanti piccoli racconti non molto impegnativi. Ora ho pensato di continuare a scrivere, prendendo spunto dalle mie esperienze di vita con la speranza di essere utile soprattutto ai giovani.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

La mattina dopo avere sbrigato le cose della mia famiglia, vado nella mia casetta di campagna dove mi dedico al giardinaggio, alla lettura e alla scrittura in un ambiente molto tranquillo dove si sente solo il canto degli uccelli e l’abbaiare dei cani



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

I libri di avventura e la vita dei grandi personaggi sono la mia passione, perché’ mi aiutano a conoscere gli uomini e il mondo. Il mio autore preferito è Wilbur Smith.



4. Perché è nata la sua opera?

Nel 1960 a 19 anni avevo gli stessi problemi dei giovani d’oggi che non riescono a trovare una sistemazione e costruirsi una famiglia nei luoghi dove sono nati e cresciuti. Decisi di emigrare in Australia dove non avevo punti di riferimento. Con coraggio e determinazione ho fatto una grande esperienza in una terra meravigliosa e ben governata. Emigrazione, situazione economica e sociale sono temi di grande attualità. E’ per questo che ho deciso di scrivere un libro che a mio avviso può essere utile e piacevole.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Essere nato e cresciuto in una famiglia numerosa (5 figli) e un padre artigiano, significa lottare tutti i giorni per la sopravvivenza ed abituarsi sin da bambini ai sacrifici, al rispetto dei genitori, dei fratelli e dei compagni di scuola. Sono diventato responsabile di una famiglia a 22 anni, dopo la morte di mio padre. Tutto questo ha contribuito a formare il mio carattere ed il mio modo di vivere la vita con serietà e coraggio. L’impegno politico è stato per me, solo ed esclusivamente un impegno civile.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Non mi piace evadere dalla realtà. Ho sempre preferito affrontare i problemi e cercare di risolverli, Forse non ho mai avuto il tempo per fantasticare, visto che ho avuto sempre la responsabilità e l’amore per la mia famiglia. Mi piace descrivere la realtà e pensare come si può migliorare qualcosa per il bene di tutti. Ho scritto brevi racconti, anche molti divertenti, ispirandomi a fatti realmente accaduti.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Credo che il mio libro rispecchia perfettamente la mia personalità, le mie passioni, i miei pregi ed anche i miei difetti e soprattutto la determinazione che ho sempre messo nella ricerca di migliorare le condizioni di vita della mia famiglia e della mia comunità.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Si tratta di una esperienza personale sconosciuta a mia moglie e soprattutto ai miei figli e ai miei nipoti. Questo mio lavoro è dedicato alla mia famiglia.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

Mio figlio Arcangelo è stato il primo a leggerlo, a darmi qualche consiglio e credo che per lui è stata una grande occasione per conoscere meglio suo padre.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Non sono esperto di queste cose, ma visti la semplicità, la velocità ed anche i costi ridotti dell’ e-book, sicuramente si sta andando in quella direzione.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Il libro va letto. Il piacere della lettura è insostituibile.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Sabato, 27 Giugno 2015 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)