Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Logo
Stampa questa pagina
15 Ott
Vota questo articolo
(1 Vota)

Rai1 con il nostro autore

Rai1 con il nostro autore Un frammento dell'intervista

La rubrica Tg1 Persone, condotta da Angelo Angelastro, ha mandato in onda su Rai1 l’autore BookSprint Luigi Trapani. Lo scrittore del romanzo fantasy “Mik Jewril e la leggenda del Crom-ra”, è arrivato nelle case di tutta Italia, su uno dei canali televisivi più importanti del nostro Paese.
«Da qualche parte il pugilato è ancora una passione sincera, un veicolo di conoscenza e di impegno», afferma Angelastro. «Qui sembra resistere un pugilato d’altri tempi. Si impara a combattere per migliorare l’autostima, rispettando l’avversario».

Oltre ad avere la passione per la scrittura, infatti, il giovane di Bagheria allena la mente per ultimare gli studi psicologici, e prepara i muscoli per il campionato italiano di boxe. Proprio l’impegno in uno sport considerato violento gli ha permesso di togliere i ragazzi dalla strada, grazie a una palestra che gestisce in prima persona nella cittadina palermitana.

 



«Il pugilato è veramente utile», spiega Luigi Trapani, «sia per le persone molto aggressive che per quelle timide. Ed è bellissimo quando un ragazzo che abitualmente fa le risse per strada, e che non ha rispetto neppure per se stesso, guarda l’avversario negli occhi e si ferma al richiamo dell’arbitro. Ecco che l’aggressività si blocca, e lascia posto alle regole».
Mik Jewril e la leggenda del Crom-ra”, edito dalla nostra casa editrice, unisce i due aspetti della personalità dello scrittore: lo psicologo, che riflette sulle origini dell’umanità, e il pugile, che descrive i corpo a corpo col realismo di chi i pugni li ha visti molto da vicino.

 

 

 

 

 

 

Martedì, 15 Ottobre 2013 | di @Carmine Morriello