Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Logo
Stampa questa pagina
19 Ago
Vota questo articolo
(1 Vota)

RAI UNO intervista il nostro autore Carlo Pini

Il nostro autore Carlo Pini è in onda su RAI UNO. Ospite di Uno Mattina Caffè, ha risposto alle domande di Guido Barlozzetti. Motivo dell’intervista è il suo nuovo romanzo, “Tua madre non deve lucidarti le scarpe”, uscito quest’anno per i tipi di BookSprint Edizioni, la casa editrice di Vito Pacelli. «Nel romanzo c’è un luogo centrale, che sembra un nido d’aquila», spiega Pini. «È un paesino dell’alta Valtellina, si chiama Savogno. Qui nasce la storia. È un cerchio che si apre nel 1958 e finisce nel 1991».

 «Il protagonista, Alberto, è un uomo che si cerca», dice Guido Barlozzetti. È un uomo che misura la distanza tra l’essere e il dover essere, mentre segue un percorso che lo porta lontano, ma non per sempre. «Alberto, parte per il Brasile sedicenne», racconta il nostro autore. «Dopo diverso tempo e varie vicissitudini, torna al paese natio per non farlo morire abbandonato, e per ritrovare un amore che si è perso per strada. Ora è ricco, e vuole dare alla comunità. Finanzierà un progetto di ricostruzione. L’intento è trasformare il paesino in “Borgo del Creatore”, una sorta di albergo diffuso dedicato a Dio creatore padre».

 

 

Nelle 274 pagine che compongono l’opera, Carlo Pini è riuscito a scrivere un romanzo ricco e coinvolgente, con una solida struttura narrativa. «I fili conduttori sono diversi, intrecciati tra di loro», continua. «Innanzi tutto ci sono le tre storie d’amore tormentate del protagonista Alberto, che lo maturano. C'è la percezione che ha del tempo, prima dilatata come l’orizzonte del mare, poi più stretta, come quella del lago». Il mare è quello sterminato della giovinezza, con gli orizzonti da conquistare. Il lago è quello della vecchiaia, e lo si può ormai abbracciare interamente con lo sguardo.

Carlo Pini vive a Roma ma è nato a Grosio, in provincia di Sondrio. Non nuovo al mondo della scrittura, è attivo da tempo in campo culturale. L’intervista a Uno Mattina Caffè, in onda su una delle reti più importanti a livello nazionale e internazionale, rappresenta un’ottima conquista per la sua carriera di scrittore. Siamo sicuri che il suo romanzo otterrà il successo che merita. 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 19 Agosto 2014 | di @Carmine Morriello

Articoli correlati (da tag)