Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

18 Ott
Vota questo articolo
(3 Voti)

Il Mistero del Nuraghe

L’ottava meraviglia del mondo antico: i Nuraghes è un libro che nasce dalla curiosità e dalla passione che l’autrice nutre nei confronti della sua terra, la Sardegna. Maria Margherita Ledda, originaria di un paese dell’entroterra algherese ma residente a Siena, annota, fino a farle diventare un saggio, le sensazionali scoperte che le sue ricerche hanno prodotto. Nell’introduzione al testo ci confida di scrivere «perché gli appassionati di queste cose... partecipino di questo percorso...».

L’autrice affida alle 98 pagine, edite dalla BookSprint Edizioni, il compito di descrivere ed informarci sulle funzioni delle maestose costruzioni nuragiche.
Le argomentazioni della Ledda scaturiscono dall’illuminante lettura di un’opera di Venceslas Kruta, archeologo e storico francese, e consistono nel valutare plausibili i rapporti tra i proto sardi ed i proto europei; la comune koinè, l’esistenza di toponimi, verbi e sostantivi di antica radice celtica, l’uguaglianza delle tradizionali feste pagane e l’esistenza delle medesime costruzioni megalitiche, convaliderebbero la tesi della nostra autrice.
«Tra tutte le ipotesi fatte dagli studiosi fino ad oggi, tutte possono essere possibili e verosimili, ma ad un certo punto ha preso forma in me la concezione che queste costruzioni, se pure per caso, siano state destinate ad assurgere ad un compito ben più importante di un semplice tempio o di una fortezza, se l’ipotesi si rivelasse esatta saremmo ad un passo dalla salvezza dell’umanità».
Come una profezia, Maria Margherita Ledda anticipa quello che è il contenuto della seconda parte del libro. È qui che le sue ricerche giungono alla svolta conclusiva: afferma una credibile correlazione tra un non precisato nuraghe e il codice celato nelle pagine del Pentateuco e custode dei misteri dell’umanità.
L’estrema semplicità lessicale, e stilistica in generale, conferiscono vigore al testo, trascinando il lettore nel viaggio della conoscenza sia dell’isola, e delle sue peculiarità, sia del progressivo evolversi delle dimostrazioni, supportate sempre da riferimenti bibliografici.
È con un testo non troppo lungo e di facile lettura che Maria Margherita Ledda informa e omaggia l’affascinante terra di Sardegna.

 

 

Venerdì, 18 Ottobre 2013 | di @Damiana Perrella

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2023 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)