Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

08 Lug
Vota questo articolo
(4 Voti)

Il mestiere di scrivere e il fascino dell’arte della scrittura

Il mestiere di scrivere e il fascino dell’arte della scrittura © alphaspirit

Dentro questa domanda si cela il senso –  forse il segreto – della scrittura. Scrivere è arte o lavoro? Dietro quei volumi così spessi c’è la pura ispirazione o un impegno costante?
Se per alcuni autori scrivere è facile, naturale come il respiro, per altri è come arare l’asfalto. Significa alzarsi all’alba ogni mattina e mettersi davanti al foglio bianco prima di essere investiti dalle incombenze quotidiane, faticando quando le parole non vengono, facendo tutto quello che bisogna fare per riempire almeno qualche cartella.

Quel che conta è mettersi seduti e scrivere, senza preoccuparsi troppo del risultato.
La musa ha un carattere non facile, passa a trovarti solo se ha voglia. Ma quando decide di esserti accanto, devi essere lì, con l’orecchio teso. Se su dieci pagine se ne salvano tre, va già bene. Vuol dire che eravate al vostro posto mentre lei cantava.
Solo pochi eletti riescono a percepire il dettato dell’angelo come e quando vogliono. Si tratta di autori fortunati, che fanno un po’ meno fatica. Ma non per questo sono loro i migliori. Anzi. Molti scrittori dotati sprecano il proprio talento accampando scuse per nascondere la propria mancanza di dedizione. 
La maggior parte degli autori, anche tra i più noti, dedica alla scrittura un tempo costante. A sentire loro, lo scrittore è una sorta di operaio che ogni giorno deve sporcarsi d’inchiostro, un infaticabile testardo che porta avanti la sua opera un pezzo per volta. Non scoraggiatevi. Quei volumi che vi guardano minacciosi non sono opera né di un mago né di un dio. Se gli scrittori di racconti o chi intenda pubblicare poesie può prendersi qualche licenza, chi si prova con la narrazione romanzesca non ha scampo: il primo comandamento è la costanza.
Le biografie insegnano. Solo pochi autori hanno la fortuna del dono. Tutti gli altri devono lavorare, far crescere la propria opera di giorno in giorno. Quando sta in piedi e riesce a camminare, è il momento di lasciarla correre libera.
Se si tratta di scrittori emergenti dovranno trovare la propria casa editrice; se sono già affermati dovranno convincere l’editore che anche il loro ultimo prodotto è valido, che anche questo è un libro che vale la pena stampare.

 

 

Lunedì, 08 Luglio 2013 | di @Carmine De Vita

1 COMMENTO

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)