Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

17 Apr
Vota questo articolo
(24 Voti)

Intervista all'autore - Leila Islami

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nata e cresciuta?
Sono nata e cresciuta a Perugia, cinque anni fa mi sono trasferita in Svizzera, a Zurigo. Il cambiamento è stato difficile all'inizio, ciò nonostante sono sempre stata una persona che ha cercato di adattarsi alle culture di un paese, senza dimenticare le proprie. Infatti, i miei genitori sono albanesi della Macedonia Del Nord e nonostante io sia nata e cresciuta in Italia, ho sempre portato nel cuore le mie origini.
 
2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?
L'adolescenza è un periodo in cui nella maggior parte dei casi una persona deve ancora scoprire quali sono i propri interessi e perché no, anche i propri ideali.
Io consiglierei Siddharta di Herman Hesse, un libro spirituale che tratta temi significativi come la ricerca di sé e della felicità. Ricordo di averlo apprezzato così tanto che l'ho letto tutto ad un fiato. Mi ha insegnato come nonostante le difficoltà ognuno può raggiungere la propria pace interiore.
 
3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook?
Credo che l'eBook abbia i suoi vantaggi, ad esempio quando viaggiamo o siamo in un ambiente privo di luce, potrebbe risultare utile e a portata di mano.
Conosco persone che si trovano persino meglio a leggere attraverso uno schermo. Io personalmente leggo in entrambi i modi, ma credo che sarebbe un peccato perdere del tutto il formato cartaceo, mi piace sfogliare le pagine e trovo bellissimo riempire la mia libreria di libri.
 
4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?
Entrambe, dipende da persona a persona. C'è chi scopre questa passione in maniera inaspettata e chi la coltiva col passare degli anni. Per me l'inizio è stato complesso, per il fatto che non mi sentivo all'altezza di poter esprimere al meglio quello che avevo in testa. Però, attraverso anni di tentativi sono riuscita a trovare la fiducia in me stessa e mi sono lasciata andare rendendo la scrittura una maniera per poter essere me stessa senza aver paura di venire giudicata.
 
5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?
Fin da piccola, ho sempre amato inventare storie e raccontarle ai miei cuginetti quando volevano sentire la favola della buonanotte. Sono una persona empatica e ho sempre amato immedesimarmi nei sentimenti delle altre persone.
La storia di Rick e Luna è frutto della mia fantasia, con la differenza che in questo caso ogni personaggio ha qualche mia caratteristica e attraverso questo libro ho voluto trasmettere i miei ideali in maniera genuina. Ciò che mi ha spinto a scrivere "Il Tuo Nome" è stata la voglia di farmi sentire e di dare forma ai miei pensieri.
 
6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?
In questo libro non solo ho voluto raccontare una storia d'amore, ma ho voluto trattare molti altri temi che mi stanno a cuore come l'amicizia, la fratellanza, il sacrificio e soprattutto il rispetto reciproco. Ho voluto raccontare una storia nella quale ognuno si sarebbe potuto identificare. Le diversità in questo libro non sono un motivo di insicurezza, bensì un punto di forza. Nessuno dovrebbe vergognarsi di essere se stesso, ognuno ha qualcosa da offrire al mondo e non c'è ostacolo che possa impedirci di realizzare i nostri sogni.
 
7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccola o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?
Ho sempre amato scrivere ma essendo una persona insicura, evitavo di condividere i miei racconti. Quando ero piccola molte volte ho creduto al giudizio della gente e questo mi ha portata a chiudermi ancora di più in me stessa, fortunatamente con il passare degli anni ho sconfitto ogni mio dubbio e sono diventata l'opposto di quella ragazza che non si sentiva mai abbastanza.
 
8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?
Sì, e fu quando dopo aver abbandonato la scrittura del libro a causa delle mie insicurezze, decisi di continuare e di condividere i miei capitoli attraverso piattaforme di lettura dove grazie ai numerosi commenti positivi, capii che le cose che scrivo in realtà vengono apprezzate. Ricordo che tutto questo mi ha dato talmente tanta soddisfazione che ho terminato la stesura del libro in pochissimo tempo!
 
9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?
Certo, specialmente all'inizio, però ho ricevuto tutto il supporto necessario per portare a termine la prima parte e continuare questa storia che ho voluto condividere da anni.
 
10. Il suo autore del passato preferito?
Ce ne sono tanti, ma se dovessi scegliere, credo proprio che punterei su Pablo Neruda. Amo il suo modo romantico ma allo stesso tempo drammatico di rappresentare la vita e sono generalmente un'amante della letteratura sudamericana.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
L'audiolibro può essere un metodo efficace per chi vorrebbe imparare una lingua straniera e per le persone che sono costantemente prese dalla frenesia della vita, è una soluzione per restare a contatto con la lettura. Da non sottovalutare il fatto che l'audiolibro è una buona alternativa per coloro che hanno problemi di vista. I libri non hanno un costo molto altro e ci sono applicazioni che offrono una vasta scelta.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)