Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Logo
Stampa questa pagina
25 Ott
Vota questo articolo
(4 Voti)

Intervista all'autore - Francesco Cannavacciuolo

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?
Sono nato e cresciuto a Caserta.
 
2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?
Ciò che inferno non è! (Alessandro D’Avenia).
 
3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook?
Penso che siano necessari i libri cartacei.
 
4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?
È un colpo di fulmine.
 
5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?
Il desiderio di parlare dell’uomo... e soprattutto la necessità di cominciare le mie riflessioni sulle possibilità di inclusione dei poveri nella nostra società ormai globalizzata e non attenta ai più deboli.
 
6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?
Essere attenti “all’altro”... e comprendere i lati positivi e negativi della globalizzazione.
 
7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?
Ho preso coscienza piano piano nel corso della vita.
 
8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?
L’esperienza di volontariato presso il carcere minorile di Nisida.
 
9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?
No.
 
10. Il suo autore del passato preferito?
Martin Buber.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Penso che possa essere utile.
 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Giovedì, 25 Ottobre 2018 | di @BookSprint Edizioni